Greenpeace, da eolico 12% fabbisogno 2020

 L'eolico potrebbe fornire fino al 12% dell'energia elettrica mondiale entro il 2020, valori 5 volte superiori agli attuali, oltre a creare 1,4 milioni di nuovi posti di lavoro e ridurre le emissioni di Co2 di oltre 1,5 miliardi di tonnellate l'anno. Entro il 2030, l'energia eolica potrebbe fornire piu' del 20% della fornitura mondiale di elettricita'. E' quanto emerge dalla quarta edizione del Global Wind Energy Outlook, la relazione biennale sul futuro del settore eolico diffusa oggi a Pechino da Greenpeace International e il Global Wind Energy Council. Alla fine del 2011 gli impianti eolici hanno raggiunto la potenza globale di 240 GW, quantita' destinata a crescere di almeno altri 40 GW nel 2012. Entro il 2020, il nuovo scenario dell'Agenzia internazionale per l'energia indica che la potenza totale raggiungera' 587 GW, fornendo circa il 6% dell'energia elettrica mondiale. Lo scenario 'moderato' presentato nella relazione, invece, mostra come si potrebbero raggiungere i 759 GW fornendo il 7,7-8,3% della produzione mondiale di elettricita', mentre nello scenario 'avanzato' si suggerisce che con giuste politiche di sostegno si potrebbero raggiungere piu' di 1.100 GW entro il 2020, fornendo tra il 11,7-12,6% dell'elettricita' globale, e il taglio di quasi 1,7 miliardi di tonnellate di emissioni di CO2. (ANSA)

 
 
Eolico, l’alternativa green al nucleare brasiliano
Il Brasile ridimensiona i piani energetici rinunciando al nucleare e...
 
Italia: primato per le rinnovabili, coprono il 30%
In Italia le fonti rinnovabili sono arrivate a coprire il 30 per cento del...
 
L’eolico mondiale quadruplicherà entro il 2030
Boom di istallazioni future per il settore eolico globale. Come rivelato da...